Concorso di letturaReading contest

Al via il primo concorso di lettura indetto dalla Biblioteca di Gravellona

foto 2
Centotredici concorrenti, cinque mesi di tempo, tre premi da vincere e un unico obiettivo: leggere il più possibile! Questi i numeri del concorso di lettura che coinvolgerà gli alunni della scuola primaria di Gravellona Lomellina. I concorrenti saranno impegnati nella gara che premierà la classe che leggerà di più; avranno tempo sino alla fine di maggio per dimostrare la loro voracità di lettori. Nella mattinata di venerdì 31 gennaio, ad ogni bambino è stato assegnato un libro, il primo, si spera, di una lunga serie che ogni alunno potrà ingrossare noleggiandone in gran numero recandosi presso la Biblioteca negli orari d’apertura (vedi sotto), e chissà che a qualche genitore non venga voglia di tornare a casa con un libro sotto il braccio!

Vogliamo soprattutto esprimere i nostri sentiti ringraziamenti alla dirigente scolastica e alla docente collaboratrice della scuola di Gravellona che hanno permesso l’avviamento del concorso di lettura, e soprattutto alle maestre che hanno accolto la proposta con entusiasmo.

I bambini sono stati suddivisi in tre gruppi (prime, seconde e terza, quarta e quinta) ognuno dei quali vedrà un vincitore: a primeggiare però non sarà il singolo alunno ma la classe intera perché è importante leggere tanto ma lo è pure, e forse di più, imparare fin da piccoli a collaborare per raggiungere un obiettivo comune. Si tratta di sviluppare una sana competizione perché, certo, è bello vincere ma nessuna vittoria può appagare quanto l’orgoglio di avere lottato insieme per raggiungere la meta.

1795817_643242405736801_1107271160_o

Questa la linea lungo la quale si sta muovendo la Biblioteca: promozione culturale unita ad impegno sociale. La cultura non è un’attività noiosa o un passatempo per impettiti intellettuali. Ai nostri piccoli utenti auguriamo proprio questo: dimostrare che ci si può divertire intelligentemente anche se ciò a volte significa andare controcorrente perché, parafrasando lo scrittore Clive Staples Lewis, chi legge non è mai solo.

Vanessa Ballottin